mercoledì 30 settembre 2009

UBRIACARSI DELLA PROPRIA DEBOLEZZA

Desiderava fare qualcosa che non lasciasse possibilità di ritorno. Desiderava distruggere brutalmente tutto il passato dei suoi ultimi sette anni. Era la vertigine. L'ottenebrante, irresistibile desiderio di cadere. La vertigine potremmo anche chiamarla ebbrezza della debolezza. Ci si rende conto della propria debolezza e invece di resisterle, ci si vuole abbandonare a essa. Ci si ubriaca della propria debolezza, si vuole essere ancor più deboli, si vuole cadere in mezzo alla strada, davanti a tutti, si vuole stare in basso, ancora più in basso”. Milan Kundera- L'insostenibile Leggerezza dell'Esser

1 commento:

BellaDiGiorno ha detto...

Com'è vera questa frase!