venerdì 8 aprile 2011

NON POSSO VIVERE CON LEI, NON POSSO VIVERE SENZA DI LEI

Edward: Adesso capisco perchè volevo che mia moglie tornasse.
Era a causa di quello in cui mi aveva trasformato.
Non eravamo insieme da quindici minuti che già sentivo, e ancora più acutamente, anzi, forse per la prima volta acutamente, la totale oppressione, l'irrealtà del ruolo che mi aveva sempre imposto con la forza ostinata, inconscia, subumana che sanno avere certe donne.
Senza lei era il vuoto.
Quando pensai che mi aveva lasciato, io incominciai a dissolvermi, a cessare di esistere.
Ecco cosa mi aveva fatto!
Non posso vivere con lei: è intollerabile, adesso; non posso vivere senza di lei, perchè mi ha reso incapace di un'esistenza autonoma.
Ecco cosa mi ha fatto in cinque anni insieme!
Ha fatto del mondo un luogo in cui io non posso vivere se non nei suoi termini.
T.S. Eliot - The Cocktail Party

3 commenti:

Anna ha detto...

....e se non fosse cosi? Se esistesse la possibilita' e la concretezza di una donna migliore? Se tu scoprissi che da qualche parte ci fosse una persona stupenda, capace di migliorarti e di farti vedere con lucidita' e certezza che la vita puo' essere vissuta in maniera migliore senza di lei? Perchè non pensare che la sua presenza è stata solo una trasformazione e un plagio che ti ha semplicemente annullato facendoti perdere la tua dimensione? Perchè non pensare che la sua presenza nella tua vita non sia stata una frode per la tua? Rifletti e chiediti chi sei veramente. Sai darti una risposta? Ciao Anna

Blue ha detto...

Adoro ciò che scrive...

grazie

Blue

Anonimo ha detto...

Concordo!